BANDO “UNA CASA ALLE GIOVANI COPPIE ED ALTRI NUCLEI FAMILIARI” – CONTRIBUTO DI 30.000 euro

SPEAK YOUR MIND

download

Tutti gli alloggi realizzati da Edilizia Anacleto partecipano al Bando “UNA CASA ALLE GIOVANI COPPIE ED ALTRI NUCLEI FAMILIARI”e possono essere acquistati ricevendo un contributo pari a 20.000 euro, elevato a 30.000 euro per i soggetti residenti nei Comuni terremotati.

 

CARATTERISTICHE DEL BANDO REGIONALE

 

Le caratteristiche del contributo regionale 

L’importo del contributo regionale per alloggio è di  20.000,00 euro, elevato a 30.0000,00 euro per i soggetti residenti nei Comuni della Regione interessati dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 che acquistano, anche con patto di futura vendita, un alloggio nell’ambito dello stesso Comune di residenza o in un Comune ricompreso nell’elenco dei Comuni terremotati (elenco art. 1 del D.L. n. 74/2012, convertito con L. 122/2012, integrato  dall’art. 67 septies del D.L. n. 83/2012 convertito con L. 134/2012). Tali contributi possono diventare rispettivamente di 23.000,00 o 33.000,00 euro per gli alloggi realizzati con tecniche costruttive che garantiscano l’applicazione integrale dei requisiti di prestazione energetica degli edifici e degli impianti energetici previsti dalla delibera dell’Assemblea legislativa n. 156/2008.

Inoltre il contributo può essere incrementato di un importo aggiuntivo pari a 2.000,00 euro per i nuclei nei quali sia presente almeno un figlio.

 

Soggetti destinatari

Possono partecipare al bando i nuclei costituiti da:

a) giovani coppie;

b) nuclei monoparentali;

c) nuclei numerosi;

d) nuclei sottoposti a procedure di rilascio dell’alloggio per ragioni diverse dalla morosità;

e) nuclei assegnatari di un alloggio di edilizia residenziale pubblica per i quali sia stata dichiarata la decadenza per superamento dei limiti di reddito;

f) persone singole.

Per giovani coppie si intendono nuclei costituiti da coniugi, da nubendi, da conviventi more uxorio o da persone intenzionate a convivere more uxorio, in cui almeno uno dei due componenti la coppia non abbia compiuto 36 anni.

Per monoparentali si intendono i nuclei costituiti da un solo genitore che abbia non più di 45 anni di età con uno o più figli coresidenti e fiscalmente a carico.

Per numerosi si intendono i nuclei nei quali almeno uno dei due genitori non abbia più di 45 anni di età e nei quali siano presenti almeno tre figli coresidenti e fiscalmente a carico, dei quali almeno uno minore di anni 18.

Per singoli si intendono i nuclei costituiti da un solo componente che non abbia compiuto 36 anni di età.

I nubendi devono contrarre matrimonio entro 12 mesi dalla data di sottoscrizione del contratto di locazione o dell’atto di assegnazione in godimento con proprietà differita, oppure entro 12 mesi dall’atto notarile di trasferimento della proprietà nel caso di acquisto non preceduto dal periodo di locazione. Entro lo stesso termine devono costituire nucleo, con residenza nell’alloggio, anche le coppie intenzionate a convivere more uxorio.

I nuclei devono essere in possesso dei seguenti requisiti soggettivi alla data di sottoscrizione del pre-contratto:

  1. cittadinanza italiana o di un altro Stato che appartiene all’Unione Europea. Il requisito si considera soddisfatto anche per il cittadino di altro Stato purché sia titolare del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o sia regolarmente soggiornante in possesso di permesso di soggiorno almeno biennale e che eserciti una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo ai sensi dell’art. 40, comma 6, del D.Lgs. 27/05/98, n. 286 e successive modificazioni;
  2. almeno uno dei componenti deve possedere la residenza anagrafica o l’attività lavorativa in un Comune dell’Emilia-Romagna; tale requisito non è richiesto per gli iscritti all’Aire in uno dei Comuni dell’Emilia-Romagna che intendono rimpatriare. Almeno uno dei componenti i nuclei che concorrono al contributo di 30.000,00 Euro deve possedere la residenza anagrafica in uno dei Comuni terremotati;
  3. valore Isee (indicatore della situazione economica equivalente) del nucleo calcolato secondo i criteri stabiliti dal Dlgs 109/98 e successive modifiche non superiore a 40.000,00 euro. Nel caso di nuclei costituiti da famiglie numerose il limite massimo dell’Isee è incrementato dell’importo di 2.000,00 euro per il primo figlio fiscalmente a carico. Per i figli fiscalmente a carico successivi al primo, tale importo si accresce in ragione di 500 euro per ciascun figlio.  Per figlio a carico si intende il figlio di minore età ovvero di maggiore età convivente che non ha percepito redditi o che ha percepito redditi non superiori al limite fissato dal DPR 917/86 e successive modificazioni;
  4. nessuno dei componenti deve possedere nel territorio regionale un alloggio o la titolarità del diritto di usufrutto, di uso o di abitazione su di un alloggio adeguato al nucleo familiare sulla base della normativa regionale relativa all’edilizia agevolata;
  5. nessuno dei componenti deve aver ricevuto in precedenza un contributo pubblico per l’acquisto di un alloggio.

 

Tempi e modalità di presentazione della domanda

I nuclei interessati per partecipare al bando devono:

  1. individuare un alloggio e sottoscrivere un pre-contratto con l’operatore proprietario dell’alloggio prescelto dalle ore 12 del giorno 18 aprile 2014 fino al 21 luglio 2014. Il nucleo può sottoscrivere un solo pre-contratto.
  2. presentare la domanda compilando online la modulistica disponibile collegandosi al sito: http://www.intercent.it/ , in particolare: a) i nuclei che risiedono nei Comuni colpiti dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 dalle ore 9,00 del giorno 28 aprile 2014 alle ore 17,00 del giorno 23 luglio 2014 ;  b) gli altri nuclei dalle ore 9 alle ore 17 del giorno 23 luglio 2014.

La graduatoria sarà pubblicata sul sito http://www.intercent.it/ il giorno 3 settembre 2014.

 

Adempimenti richiesti al nucleo

Il nucleo interessato deve:

  1. rispettare gli impegni contrattuali assunti con l’operatore;
  2. acquisire la titolarità della proprietà dell’alloggio a ciascuno dei componenti del nucleo per non meno del 10%;
  3. trasferire la propria residenza anagrafica nell’alloggio entro 120 giorni dalla sottoscrizione dell’atto notarile di trasferimento della proprietà nel caso di acquisto non preceduto dal periodo di locazione;
  4. risiedere stabilmente nell’alloggio, non alienarlo e non locarlo per cinque anni dalla data di acquisto o dall’atto pubblico di assegnazione in proprietà. Ai sensi della normativa vigente qualora nei primi cinque anni insorgono gravi, sopravvenuti e documentati motivi, così come definiti dalla normativa regionale potrà essere richiesta agli ufficio regionali competenti l’autorizzazione alla alienazione o alla locazione dell’alloggio. Decorso tale quinquiennio gli alloggi possono essere alienati o locati ;

Gli atti di compravendita dovranno riportare espressamente i predetti vincoli.

Se a seguito delle previste verifiche dovesse risultare che il nucleo interessato non ha rispettato tali impegni assunti dovrà versare la somma erogata dalla Regione maggiorata degli interessi legali.

 

 

Contattaci per ulteriori chiarimenti o informazioni.

By nadia | 3 aprile 2014 |